Decalogo dell'hostess affamata: sandwich con avanzi di colomba e cioccolato.


In 20 minuti puoi fare molte cose.
Una corsa, una telefonata ad un'amica, cercare un albergo per le vacanze, inviare un curriculum vitae, guardare una puntata di Friends, mettere su qualcosa per cena, farti una doccia con scrub, tenere in posa il balsamo qualche minuto.
Puoi anche passare da sentirti Selina Kyle in versione Catwoman, a Bridget Jones modalità divanoecanzonistuggenti; dal voler conquistare il mondo come Prof., all'avere la voglia di lavorare di Paris Hilton.
Puoi fare mille cose più o meno dicibili.
Ma NON mangiare.
Perlomeno senza che tutto rimanga bloccato al piano sotto l'esofago.
Durante le partite abbiamo 20 minuti per andare nello spogliatoio, raggiungere l'armadietto in mezzo a chi è già in pausa, ingurgitare il contenuto delle lunch-bag fornite, contenente due panini, una banana, un pacchetto di wafer ed una bottiglietta d'acqua; infine sistemarci, riposarci piedi e/o schiena e fare pipì.

Ma basta organizzarsi.
Appena scatta l'ottavo minuto del tempo in cui si va in pausa, parti senza far la passeggiata, in modo da entrare in spogliatoio al decimo, quando parte il conto alla rovescia dei venti minuti.
A quel punto fai come a Capodanno, quando ci si prepara di corsa con lo spumante, le stelline e le macchine fotografiche.
In questo caso, però, cerchi, scusandoti e chiedendo permesso, di raggiungere il tuo armadietto per prendere la lunch box; ovviamente, se sei furba, la prima volta avrai notato che la concentrazione degli steward nella pausa è proprio appena entri a sinistra.
Io evidentemente quel giorno dormivo.
Così qualche volta fa mi sono ritrovata a mangiare una banana in mezzo a ragazzi tra i 19 ed i 26 anni circa.
Credo di averla finita in tre bocconi, per evitare gli sguardi maliziosi da quattordicenni (senza contare la quasi gaffe che mi sono fatta rispondendo ad un ragazzo che aveva notato la mia difficoltà nello sbucciarla perchè tanto "dur...acerba").
Ecco quindi che se puoi ti sposti a mangiare in un'altra zona dello spogliatoio, magari vicino qualche ragazza che hai conosciuto.
Nel frattempo, se hai male ai piedi togliti le scarpe, mentre se hai mal di schiena cerca di rilassarla.
Io rientro nella seconda categoria. Il male è peggiorato dalle décolleté tacco Regina Elisabetta, quindi meglio optare per un paio di centimetri in più.
Esercitati inoltre a tenere la pipì, mentre il trucco è meglio che sia uno collaudato.
In questo modo ti ritroverai con circa 15 minuti buoni per mangiare di corsa il tuo pranzo/la tua cena. Sempre pochi, ma sfruttati al meglio.

Se invece rientri nell'80% delle hostess la cui agenda è fatta di concorsi di bellezza e servizi fotografici, lascia perdere tutto questo.
Quindici minuti per far finta di mangiare, e cinque per uscire a fumare ti basteranno.

***
Questo sandwich è nato proprio parlando con una delle ragazze con cui lavoro (e che mangia - nonostante partecipi a qualche concorso): non sono i panini tra le cose più semplici e buone mai inventate?
Ma ci sono poche versioni dolci.
Non voglio prendermi totalmente il merito di questa idea: non essendo nulla di che, ho il dubbio di averlo letto di sfuggita su qualche rivista. Ma non ricordo proprio.
Fatto sta che è un ottimo modo per far fuori in due minuti colomba e cioccolato - e profumare la casa di croissant appena sfornati!

Ingredienti
- 2 fette di colomba
- 1 piccola manciata di cioccolato
- 1 goccio d'olio

Taglia due fette di colomba spesse circa 1-1,5cm e definisci i lati perchè non si sbriciolino.
Ungi una padella antiaderente con una goccia d'olio e riscaldala sul gas a fuoco medio-basso.


Quando sarà ben calda, metti una fetta di colomba e aggiungi il cioccolato tagliato grossolanamente a pezzetti.


Controlla ogni tanto la base del sandwich, copri qualche secondo con un coperchio (giusto per far sciogliere più facilmente il cioccolato) e una volta raggiunto il livello di doratura e croccantezza che preferisci, poni sulla cioccolata l'altra fetta di colomba e gira il tutto, in modo che si cuocia anche l'altro lato.
Guarda nuovamente la doratura e servi ben caldo.






Alcune note
Colomba e cioccolato possono essere di qualsiasi genere: con canditi e mandorle o senza, cioccolato al latte o fondente. In base ai tuoi gusti (e a ciò che ti è rimasto)!
Puoi ungere la padella (perfetta quella per crêpes) anche con del burro; io ho voluto limitare la quantità di grassi già presenti.
Appena messa nel padellino, la fetta diventerà più morbida, man mano però che lasci scaldare diventerà dorata e croccante (presa dalle foto la mia  colomba l'ho lasciata "dorare" un po' troppo - ma era comunque ottimo!)
Ti consiglio di fare il sandwich appena prima di mangiarlo, altrimenti si indurirà.



Se non vuoi che la casa profumi come una boulangerie francese, non farlo. Ma chi non vorrebbe che la propria casa profumi di burro e cioccolato? :)


Ah, stavo per dimenticare di ringraziare Ilaria di Ferreggiando per il premio.
Grazie, grazie, grazie di cuore, perchè mi fa capire che c'è qualcuno che apprezza questo blog per quel che contiene (sempre sulla scia del mio vecchio post).
Lo apprezzo davvero tantissimo!
Non rispondo alle domande o rigiro il premio perchè sono sempre incasinata, ma ringrazio altre mille volte Ilaria :)
Grazie, grazie, grazie!!!

Etichette: , , , , , , , , , , ,