Un viaggio nella Parigi di ieri e di domani.

Frase su Parigi
Negli ultimi post ho parlato del viaggio a Parigi, una città che mi ha illusa e delusa, e mi ha affascinata e presa per la gola e fatta sentire a casa.
Ma due settimane sono abbastanza per trasformare una città romantica in un simbolo di paura, in un contemporaneo hashtag di solidarietà.
Il timore di questi atti si sta propagando tramite l'informazione, raggiungendo i nostri sensi con un tocco che potrebbe indirizzare le nostre scelte verso strade differenti; perchè è un terrore che non cambia la nostra quotidianità, ma ne intacca la spensieratezza.
Con quale tranquillità partiresti ora? Diciamo per Parigi? O per Tunisi? 
La paura però sa sfondare i confini, li supera arrivando laddove, fino a quel momento, non c'era che vita; non ha bisogno di evolversi in fobia, perchè l'angoscia che trascina con sè basta ad insinuarsi attraverso l'immedesimazione.
L'ho fatto. Ho guardato le persone nel campo dello Stade de France e ho provato ad immaginarmici, proprio io che allo stadio ci lavoro; poi ho spostato l'attenzione su ciò che vorrei si facesse se protagonista dello strazio fosse la mia casa. E mentre a pochi giorni da partite importanti, dall'unica tappa italiana di Madonna o dalla visita di Renzi, Torino galleggia nell'allerta, metto in atto quello che sarebbe più giusto fare: curare la paura con la bellezza.

Perchè nonostante per me Parigi sia stata davvero una piccola delusione, ha rappresentato anche una raccolta di cose straordinarie.
Ho già scritto dei tetti
E del cibo.
Non dei piccoli ricordi che mi porto dietro, incorniciati in un'immagine.

Ai giardini Tuileries abbiamo incrociato una famiglia, svedese; forse danese o magari finlandese.
Una famiglia giovane comunque, il classico stereotipo scandinavo dell'immaginario italiano.
Giardini Tuileries
Champs-Elysée e Arco di TrIONFO
Hanno passeggiato come noi dal Louvre fino all'Arco di Trionfo: il (bel) papà spingeva il passeggino, la mamma si fermava a scattare qualche foto, mentre le due testoline illuminate di biondo camminavano distratte lungo gli Champs-Elysées.
Mi piace ipotizzare le vite di chi incrocio, e nell'involontaria passeggiata insieme ho immaginato quattro intere vite.
La bellezza di Parigi Giardini Tuileries

Montmartre abbiamo festeggiato il compleanno del Ragazzo Economista; nonostante stessi male, quello è il giorno a cui collego i momenti migliori.
Il Sacro Cuore visto dalla scalinata
Ricordo il vento che fluiva con forza tra le colonne del Sacro Cuore, la mia paura di sporgermi per le foto e la voglia di fare indigestione di tetti; e poi Lui, che il coraggio di affacciarsi lo aveva, si faceva fare foto stupide da mandare gli amici, riuscendo a farmi ridere, rimediando un po' al mio dolore.
Panorama sul Parigi dal Sacro Cuore

La sera siamo ritornati per la cena in un dehor avvolto da altro vento; mi sentivo meglio, mi sentivo bella in un semplicissimo outfit molto parigino. Poi la pioggia, la corsa alla Tour Eiffel per vederla illuminata, l'attesa, le luci davanti agli occhi, noi due abbracciati sotto al suo k-way e al mio foulard nero; il suo stupore per un piccolo regalo inaspettato, un'altra corsa stretti nella ricerca del Palais de Tokio per le foto in una delle vecchie photomaton sparse per Parigi, che puzzava di uova marce ma che ci ha fatto ridere come nessun altro luogo.
Foto ricordo di una Photomaton di Parigi

C'è stato anche un piccolo ritorno a Londra in Rue Cremieux (XII arrondissement): case colorate strette a braccetto in un classicissimo quartiere Parigino. Da farci un salto se sei in Gare de Lyon.
Le case colorate di Rue Cremieux a Parigi

E a Montmartre mi sono ricordata dei miei viaggi in camper nel sud della Francia: in alcune cittadine avevo incontrato vetrine come questa, deliziose per gli occhi e per lo stomaco.
Bon bon di un negozio di Parigi

Avrei altre foto per riportare in vità la felicità che nasce nella Ville Lumiere, ma ci saranno altri post per farlo.
La bellezza di ieri, oggi è stata offuscata dalla paura.
Ma "non può piovere per sempre". Il sole tornerà a splendere, anche su Parigi.

Cerchi altre informazioni per un viaggio a Parigi? Prova a leggere...
3 cose che avrei voluto sapere prima di partire per Parigi.
Cosa fare a Parigi? Visitare la città dall'alto.
I locali migliori dove mangiare a Parigi.

Etichette: , , ,